fbpx
full
image
#d9d9d9
https://www.globalfisio.it/wp-content/themes/smartbox-installable/
https://www.globalfisio.it/
#18AACD
style4
la fisioterapia a Roma
Via della Marsica 19

Borsite trocanterica

Patologie

Borsite trocanterica

La borsite trocanterica (anche borsite del gran trocantere, entesite trocanterica o trocanterite) è un processo di tipo infiammatorio che colpisce la borsa sieromucosa del gran trocantere, una tuberosità situata nell’epifisi prossimale del femore sulla quale s’inseriscono i muscoli medio e piccolo gluteo, i muscoli otturatori interno ed esterno.
Questa patologia è frequente nelle persone che passano molte ore in posizione seduta e nei soggetti sportivi dove viene generalmente causata da gesti tecnici errati o esasperati (un tipico caso è quello dei portieri di calcio a motivo dei lunghi allenamenti al tuffo), da sovrallenamento, da microtraumi ripetuti, da cadute e da squilibri muscolari. Fra gli atleti più colpiti, oltre ai già citati portieri di calcio, vi sono quelli praticanti sport come lo sci, alcuni sport da combattimento, il pattinaggio e la corsa.

I sintomi e segni della borsite trocanterica

La sintomatologia è essenzialmente di tipo doloroso; generalmente il soggetto colpito da borsite trocanterica riferisce un dolore nella zona dell’anca che spesso si irradia posteriormente nella regione glutea; diversamente da quanto accade nelle patologie articolari dell’anca, non vi è dolore a carico della zona inguinale.

Il dolore a carico della zona interessata è normalmente di bassa intensità, ma costante durante tutto l’arco della giornata; determinati movimenti come, per esempio, il salire e scendere le scale, l’accavallare le gambe o l’appoggiarsi sul lato dolente acutizzano la sintomatologia dolorosa. Nei casi più gravi è facilmente osservabile la cosiddetta zoppia di fuga ovvero l’accelerazione della camminata dalla parte dolente allo scopo di diminuire il tempo di appoggio e conseguentemente il dolore.

 

La diagnosi differenziale della borsite trocanterica include le radicolopatie lombari (in particolare quelle a carico delle radici nervose L1 e L2), la meralgia parestesica (una delle sindromi da intrappolamento nervoso che riguarda il nervo cutaneo femorale laterale), alcune patologie a carico dell’articolazione coxo-femorale e anche alcune patologie intra-addominali.

Trattamento

Il trattamento consiste nel valutare l’origine della borsite ovvero capire se è di origine traumatica o da overuse, visto che sul femore s’inseriscono i muscoli medio e piccolo gluteo, i muscoli otturatori interno ed esterno si può verificare che l’eccessiva tensione e quindi trazione  di questi muscoli porti all’infiammazione della borsa trocanterica.

Sarà quindi necessario mediante la Rieducazione Posturale Globale (metodo Souchard) e la Manipolazione Fasciale Stecco andare a ristabilire le corrette tensioni miofasciali risolvendo cosi in modo definitivo la borsite trocanterica.

 

Trattamenti consigliati:

 

paged
Caricamento articoli...
link_magnifier
#6E787E
on
fadeInUp
loading
#6E787E
off
Indietro