18
Ott

L’hamstring syndrome, o sindrome degli ischio-crurali, è una patologia di frequente riscontro in ambito sportivo, la cui insorgenza può determinare lunghi periodi di assenza sia dalle sessioni di allenamento che dalle attività agonistiche.

L’hamstring syndrome (HS) è una tendinopatia inserzionale prossimale degli hamstring ( ischiocrurali, ovvero i muscoli posteriori della coscia) .Inizialmente gli sprinter sembravano essere la categoria più colpita da questa sindrome, ma ricerche più recenti suggeriscono di come sia invece di maggior riscontro nei mezzofondisti, nei calciatori e negli sciatori di fondo. L’età di maggior frequenza è compresa tra i 29 ed i 37 anni.

 

Le lesioni muscolari si verificano frequentemente come lesioni da contusione negli sport di contatto e come negli sport che comportano sprint e accelerazioni massimali. Tra i velocisti, le lesioni del tendine del ginocchio rappresentano circa 1/3 di tutte le lesioni acute . Dal momento che calcio, rugby, football americano, football australiano combinano sprint massimali con frequenti contatti giocatore-giocatore, non sorprende che una considerevole proporzione di infortuni siano problematiche alla coscia. In effetti, studi recenti di livello professionale mostrano che gli strappi del bicipite femorale si classificano come il primo o il secondo infortunio più comune nel calcio, football australiano , rugby e il running. Sembra inoltre che vi sia una tendenza con un aumento graduale della proporzione di strappi di muscoli posteriori della coscia rispetto ad altri tipi di lesioni come le distorsioni della caviglia rispetto ai dati provenienti dagli studi degli anni ’80.  
Le lesioni degli Hamstring si verificano più spesso durante gli sprint massimali. È difficile documentare esattamente in quale fase del ciclo di corsa . Tuttavia, poiché si ritiene che il momento netto sviluppato dai muscoli posteriori della coscia sia massimale nella fase di oscillazione tardiva, proprio prima che colpisca il tallone a terra. In questo caso, i muscoli posteriori della coscia funzionano in modo eccentrico.

FATTORI DI RISCHIO

Un certo numero di fattori di rischio candidati sono stati proposti come cause delle lesioni dei muscoli posteriori della coscia:
⦁ età,
⦁ infortunio precedente,
⦁ ROM dell’anca ridotta e
⦁ forza ridotta dei muscoli posteriori della coscia 17 .
 Il ROM limitata per la flessione dell’anca potrebbe significare che ci sia tensione muscolare posteriormente. Tuttavia, altri studi condotti sul calcio e sul football australiano hanno mostrato una bassa flessibilità del quadricipite per rappresentare un fattore di rischio non solo per i muscoli posteriori della coscia, ma anche per i quadricipiti .
 
La forza del bicipite femorale del ginocchio significherebbe che le forze necessarie per resistere all’estensione del ginocchio e iniziare l’estensione dell’anca durante gli sprint massimali potrebbero superare la tolleranza dell’unità muscolo-tendine. La forza è spesso espressa in relazione alla forza del quadricipite come il “muscolo di hamstrings: quadricipite”, poiché è la relazione tra la capacità del quadricipite di generare velocità e la capacità dei muscoli posteriori della coscia di resistere alle forze risultanti che si ritiene siano critiche. Numerosi studi dimostrano che i giocatori con una ridotta forza del bicipite femorale possono essere maggiormente a rischio di lesioni.
Una storia di precedenti lesioni al bicipite femorale aumenta notevolmente il rischio di lesioni, come documentato in numerosi studi . Lesioni possono causare la formazione di tessuto cicatriziale nella muscolatura, con conseguente area meno compatibile con maggiore rischio di lesioni. Un infortunio precedente può anche portare a una ROM ridotta o a una forza ridotta, influenzando quindi indirettamente il rischio di lesioni. I calciatori con una storia di infortuni al bicipite femorale hanno un rischio di lesioni sette volte più elevato rispetto ai giocatori sani e ben il 13% può aspettarsi di subire un nuovo infortunio durante una stagione.
  
 
PREVENZIONE

 

Vi sono ora solide recenti ricerche che dimostrano che le lesioni dei muscoli posteriori della coscia possono essere prevenuti tramite:
 
Allungamento
 
I dati basati sul questionario sui metodi di allenamento della flessibilità raccolti da 30 squadre di calcio professionistiche inglesi, in cui le pratiche di stretching dei team erano correlate ai tassi di deformazione dei muscoli posteriori della coscia, indicano che l’uso di un protocollo standard di stretching riduce il rischio di lesioni  .
 
Forza muscolare

La migliore prova per la prevenzione degli infortuni è disponibile per i programmi progettati per aumentare la forza dei muscoli posteriori della coscia, in particolare la forza dei muscoli posteriori della coscia eccentrica. 
Diversi studi indicano che una ridotta forza del bicipite femorale è un fattore di rischio per possibili lesioni ed è ben documentato che l’allenamento della forza per i muscoli posteriori della coscia dovrebbe essere di tipo eccentrico.

Il Dott. Fabrizio Valleriani riceve su appuntamento.

Per fissare una prima visita gratuita chiama il numero 3283538810