RIGIDITA’ AL MATTINO PRESTO

Come allentare la rigidità del corpo al mattino presto

Come allentare la rigidità del corpo al mattino presto

Due esercizi di stretching per aiutare a mitigare i problemi del movimento mattutino.

 

 

Svegliarsi con rigidità nei muscoli e nelle articolazioni è abbastanza comune. Mentre potrebbe essere allettante provare alcuni tratti statici per sciogliere le cose, gli esperti dicono che lo stretching prima cosa al mattino può fare più male che bene.

Quando ci sdraiamo di notte per dormire, le nostre vertebre vengono decompresse, quindi i dischi intervertebrali raccolgono acqua, spiega l’esperto Stuart McGill, PhD, del Laboratorio di biomeccanica della colonna vertebrale presso l’Università canadese di Waterloo. Questa maggiore idratazione crea tensione all’interno dei dischi e rende la colonna vertebrale rigida. Una volta che ci alziamo e ci muoviamo, i dischi tornano lentamente alla normalità.

Quindi devi stare attento a non piegarti troppo e ruotare i primi 30 minuti al risveglio. Per aiutare a mitigare i problemi del movimento mattutino, sono meglio alcuni esercizi di mobilità dinamica. Questo non solo affronta i deficit di flessibilità, ma fa anche muovere il sangue mentre coinvolge il sistema nervoso.

La parte centrale e i fianchi spesso richiedono la maggior parte del lavoro di mobilità. Ecco due esercitazioni che colpiscono quelle aree.

Trapano Cow-Cat

  • Mettiti a carponi con i palmi delle mani sul pavimento. Le ginocchia devono essere alla larghezza dei fianchi e piegate di 90 gradi.
  • Ora solleva delicatamente la testa curvando la parte bassa della schiena (come una mucca); tieni premuto per un secondo.
  • Abbassa lentamente la testa tra le spalle, sollevando la parte superiore della schiena verso il soffitto lasciandola circolare (come un gatto).
  • Ripeti 10 volte.

Air Squat

  • Stai in piedi con i piedi alla larghezza dei fianchi, le dita dei piedi leggermente rivolte verso l’esterno e le braccia lungo i fianchi.
  • Piega le ginocchia e spingi il sedere indietro come se fossi seduto su una sedia. Mantieni il peso sui talloni e scendi fino a quando le cosce sono parallele al suolo o più in basso.
  • Stringi i glutei e raddrizza le gambe per risalire.
  • Dopo la decima ripetizione, mantieni la posizione in basso, avvicina i gomiti alle ginocchia e unisci le mani.
  • Premi delicatamente i gomiti contro l’interno delle gambe per aprire i fianchi. Rimanere in questa posa per 30 secondi.

 

 

Il Dott. Fabrizio Valleriani riceve su appuntamento. Per fissare una prima visita gratuita chiama il numero 3283538810

 

 

 

Written by global