LE CONSEGUENZE DELLA MENISCECTOMIA

I menischi del ginocchio hanno un ruolo importante nel sopportare carichi e nell’assorbimento degli urti all’interno dell’articolazione.

I menischi del ginocchio hanno un ruolo importante nel sopportare carichi e nell’assorbimento degli urti all’interno dell’articolazione. Possono anche funzionare come stabilizzatori secondari, avere un ruolo propriocettivo e aiutare la lubrificazione e la nutrizione della cartilagine articolare. La perdita totale o parziale di un menisco può avere effetti dannosi su un ginocchio, portando a gravi conseguenze a lungo termine.

I menischi sono due cunei crescenti di fibro-cartilagine posizionati tra la tibia e il femore negli scomparti mediale e laterale del ginocchio. Agiscono come ripartitori di carico e ammortizzatori, e sono anche stabilizzatori secondari, particolarmente in assenza di un legamento crociato anteriore (ACL) funzionante.  Altri ruoli sono stati postulati nella propriocezione, nella lubrificazione articolare e nella nutrizione della cartilagine articolare.

Le lacrime meniscali sono la lesione più comune del ginocchio, con un’incidenza di meniscectomia di 61 per 100000 abitanti all’anno.  Possono verificarsi in lesioni acute al ginocchio nei pazienti più giovani o come parte di un processo degenerativo in soggetti più anziani. Le lacrime meniscali mediali si verificano più frequentemente delle lacrime del menisco laterale, con un rapporto di circa 2: 1.

Gli effetti meccanici e biochimici della meniscectomia

In uno studio sui cadaveri umani nel 1976, hanno dimostrato che i menischi svolgono una funzione di trasmissione del carico e di assorbimento di energia nell’articolazione del ginocchio e che dopo la rimozione lo stress che agisce sulle superfici articolari aumenta in modo significativo . Nel 1986 Baratz, Fu e Mengato hanno studiato gli effetti della meniscectomia sulle aree di contatto e le sollecitazioni alle articolazioni del ginocchio dei cadaveri umani mediante l’utilizzo di un film sensibile alla pressione. La perdita del menisco mediale ha comportato una riduzione delle aree di contatto di circa il 75% e un aumento delle pressioni di contatto di picco di circa il 235%.

Si ritiene che il maggiore stress da contatto intra-articolare all’interno del ginocchio dopo la meniscectomia ‘sovraccarichi’ la cartilagine articolare, con i relativi cambiamenti biochimici, tra cui la perdita di proteoglicano, la disaggregazione del proteoglicano.

Livelli di attività del paziente

I risultati dopo la meniscectomia possono essere influenzati dall’attività atletica. Sono stati esaminati 147 atleti dopo meniscectomia per lesioni meniscali isolate e hanno scoperto che il deterioramento radiologico è iniziato dopo 4,5 anni. Dopo 14,5 anni, l’89% degli atleti presentava prove radiologiche di degenerazione e il 46% aveva rinunciato o ridotto la propria attività sportiva. Questi valori sono più alti di quanto ci si aspetterebbe per la popolazione generale.

 

In difesa del menisco

Una parte delle lacrime meniscali può guarire, da sola o con l’aiuto di varie tecniche di riparazione. Alcune lacrime possono causare sintomi piccoli o assenti purché rimangano meccanicamente stabili. La capacità del tessuto meniscale di guarire è probabilmente strettamente correlata al suo apporto di sangue. Alla nascita, l’intero menisco è vascolarizzato. Tuttavia, un’area avascolare si sviluppa presto nella circonferenza interna del menisco e nella seconda decade i vasi sanguigni sono visti solo nel terzo esterno. Questa progressiva perdita di vascolarizzazione può essere dovuta al carico e al movimento del ginocchio. Una lacerazione longitudinale verticale stabile nella zona vascolare periferica del menisco ha un grande potenziale di guarigione e dovrebbe essere lasciata.

 

Il Dott. Fabrizio Valleriani riceve su appuntamento. Per fissare una prima visita gratuita chiama il numero 3283538810

 

 

 

Written by global