CANNABINOIDI

Come i cannabinoidi possono modulare il dolore periferico?

Il dolore miofasciale è un disturbo clinico comune, che inizia come dolore acuto all’interno del sistema muscoloscheletrico con un fenomeno autonomico riferito, che include dolore, ridotta gamma di movimento e debolezza. Le sindromi da dolore miofasciale (MPS) possono essere classificate come primarie se non correlate ad altri disturbi o secondarie se associate a condizioni mediche comorbide. Per molti anni, si è ritenuto che il focus del dolore miofasciale riguardasse solo i muscoli, ma il ruolo della fascia è stato recentemente riconsiderato. Tuttavia, non è ancora chiaro esattamente come le fasce possano causare dolore e come possano rispondere a varie terapie farmacologiche.

Il dolore miofasciale colpisce almeno l’85% delle persone almeno una volta durante la loro vita, con una prevalenza che varia dal 21% dei pazienti ortopedici generali al 93% dei pazienti in centri di dolore specializzati. La MPS è una causa importante e spesso trascurata nella pratica clinica. Sia gli uomini che le donne sono colpiti, con un rischio maggiore nelle donne sedentarie di mezza età. Un’attività regolare e vigorosa, come l’esercizio quotidiano di moderata intensità, sembra essere protettiva. La recente letteratura ha dimostrato che il dolore miofasciale risponde efficacemente alla terapia con cannabinoidi, che può fornire sollievo analgesico per i disturbi del dolore cronico .

Negli Stati Uniti negli ultimi dieci anni, la disponibilità e l’uso della cannabis sono aumentati per scopi medici ed è diventato importante fornire al pubblico informazioni accurate sull’uso e l’efficacia degli antidolorifici.

La dimostrazione che la fascia umana esprime entrambi i recettori endocannabinoidi CB1 e CB2 nel tessuto fasciale umano costituisce un primo passo per conoscere meglio il ruolo delle fasce come generatori di dolore e l’efficacia di alcuni trattamenti fasciali.

Questo dimostra come un cannabinoide sintetico può portare alla produzione di vescicole ialuroniche ricche di acido ialuronico in poche ore in una coltura in vitro di fibroblasti fasciali.

L’aumento dell’Acido Ialuronico secreto può portare ad una maggiore, almeno temporanea, fluidità del tessuto, grazie al ruolo dell’HA di facilitare lo scorrimento tra gli strati fasciali all’interno e alla base della fascia profonda durante il movimento.

In conclusione, questa è una dimostrazione di come il dolore miofasciale può rispondere efficacemente ai cannabinoidi, che sono in grado di fornire un sollievo analgesico per i disturbi del dolore cronico.

 

Il Dott. Fabrizio Valleriani riceve su appuntamento. Per fissare una prima visita gratuita chiama il numero 3283538810

 

 

 

Written by global