15 COSE CHE NON SAPEVI SUL MAL DI SCHIENA

La ricerca scientifica nel settore del mal di schiena è progredita negli ultimi tempi ed è una sfida per le convinzioni diffuse sulla condizione che sembra affliggere così tante persone.

La ricerca scientifica nel settore del mal di schiena è progredita negli ultimi tempi ed è una sfida per le convinzioni diffuse sulla condizione che sembra affliggere così tante persone.

 

Gestire il mal di schiena costa allo Stato più del cancro e del diabete messi insieme. La maggior parte di questi costi sono legati al trattamento delle persone con dolore in corso.

La ricerca SCIENTIFICA nella zona di dolore alla schiena è progredita negli ultimi tempi andando a contraddire le credenze diffuse circa la condizione che sembra affliggere così tante persone.

1 Il mal di schiena è comune e normale

L’ottanta per cento delle persone sperimenterà un episodio di mal di schiena durante la loro vita. Provare il mal di schiena è come stancarsi o diventare tristi; non ci piace necessariamente, ma succede a quasi tutti ad un certo punto. Ciò che non è comune, tuttavia, non è il recupero dal mal di schiena.

Il mal di schiena più acuto è il risultato di semplici sforzi o distorsioni e la prognosi è eccellente. Entro le prime due settimane di un episodio acuto di dolore, la maggior parte delle persone segnalerà un significativo miglioramento dei sintomi con quasi l’85% delle persone guarite completamente entro tre mesi. Solo un numero molto limitato di persone sviluppa problemi di vecchia data e invalidanti.

2 Le scansioni sono raramente necessarie

Sia gli operatori sanitari che i membri del pubblico spesso pensano di sottoporsi a una scansione “per ogni evenienza”,  per valutare se c’è qualcosa di grave nel loro dolore. Tuttavia, tutte le prove suggeriscono che le scansioni mostrano qualcosa di veramente importante in una piccola minoranza di persone con mal di schiena.

Una breve consultazione con un operatore sanitario (ad es. Medico di famiglia, fisioterapista ) sarebbe di solito in grado di identificare se fosse davvero necessaria una scansione in base ai sintomi di una persona e all’anamnesi.

3 L’interpretazione delle scansioni dovrebbe essere accompagnata da una visita medica

Pensiamo che avere immagini della colonna vertebrale è di grande aiuto per risolvere il mal di schiena. Tuttavia, ora sappiamo che spesso non è così.

Le scansioni della colonna spesso mostrano cose che sono scarsamente legate al dolore. In effetti, gli studi hanno dimostrato che anche le persone che non hanno mal di schiena hanno cose come protrusioni (52pz ), dischi degenerati  (90pz), ernie (28pz) e artrosi (38pz).

Ricorda, queste persone NON hanno dolore! Sfortunatamente, alle persone con mal di schiena viene spesso detto che queste cose indicano che la loro schiena è danneggiata e questo può portare a ulteriore paura, angoscia ed evitamento dell’attività. Il fatto è che molte di queste cose riportate nelle scansioni sono più simili alla calvizie – un’indicazione dell’invecchiamento e della genetica che non devono essere dolorose.

4 Il mal di schiena non è causato da qualcosa di fuori posto

Non ci sono prove che il mal di schiena sia causato da un osso o un’articolazione della schiena fuori posto o che il bacino non sia allineato. Per la maggior parte delle persone con mal di schiena, le scansioni non mostrano alcuna evidenza che dischi, ossa o articolazioni siano “fuori posto”.

Nel numero molto limitato di persone con qualche cambiamento nel loro allineamento spinale, questo non sembra essere fortemente correlato al mal di schiena.

Naturalmente, vale la pena notare che molte persone si sentono meglio dopo aver subito trattamenti come la manipolazione.

Tuttavia, questo miglioramento è dovuto a riduzioni a breve termine di dolore, tono muscolare / tensione e paura, NON dovute al riallineamento delle strutture corporee.

5 Il riposo a letto non è utile

Nei primi giorni dopo la lesione iniziale, evitare attività aggravanti può aiutare ad alleviare il dolore. Tuttavia, ci sono prove molto forti del fatto che mantenersi attivi e tornare a tutte le normali attività gradualmente, inclusi lavoro e hobby, è importante per favorire la ripresa.

Al contrario, il riposo a letto prolungato è inutile ed è associato a livelli più elevati di dolore, maggiore disabilità, recupero più scarso e assenza più lunga dal lavoro. In effetti, sembra che più a lungo una persona rimane a letto a causa del mal di schiena, peggiore diventa il dolore.

6 Più mal di schiena non significa più danni alla schiena

Questo può sembrare strano, ma ora sappiamo che più dolore non significa sempre più danni. Alla fine, due persone con la stessa lesione possono provare diverse quantità di dolore. Il grado di dolore percepito può variare in base a una serie di fattori, tra cui la situazione in cui si verifica il dolore, precedenti esperienze di dolore, umore, paure, forma fisica, livelli di stress e stile di vita. Ad esempio, un atleta o un soldato potrebbe non provare molto dolore dopo un infortunio fino a dopo quando si trovano in un ambiente meno intenso.

Inoltre, il nostro sistema nervoso ha la capacità di regolare la quantità di dolore che una persona prova in un dato momento. Se una persona ha mal di schiena, è possibile che il suo sistema nervoso sia diventato ipersensibile e stia causando dolore, anche se la tensione iniziale o la distorsione sono guarite.

Questo può significare che la persona sente più dolore quando si muove o cerca di fare qualcosa, anche se non sta danneggiando la colonna vertebrale.

Una volta che le persone con mal di schiena sono in grado di distinguere tra il dolore’ che sentono da qualsiasi preoccupazione per il ‘danno’ che viene fatto alla loro schiena, è più facile partecipare al trattamento.

7 La chirurgia è raramente necessaria

Solo una piccola parte delle persone con mal di schiena richiede un intervento chirurgico. La maggior parte delle persone con mal di schiena può gestirlo rimanendo attivo, sviluppando una migliore comprensione del significato del dolore e identificando i fattori che sono coinvolti nel loro dolore.

Questo dovrebbe aiutarli a continuare i loro soliti compiti quotidiani, senza dover ricorrere all’intervento chirurgico.

In media, i risultati della chirurgia spinale non sono migliori a medio e lungo termine rispetto agli interventi non chirurgici, come l’esercizio fisico.

8 Zaini scolastici sono sicuri – preoccuparsi degli zaini scolastici potrebbe non esserlo

Molte persone credono che i bambini con una pesante zainetto possano causare mal di schiena. Tuttavia, gli studi di ricerca non hanno trovato questo collegamento, non rivelando differenze nel peso dello zainetto tra quei bambini che lo fanno e non sviluppano dolore alla schiena. Tuttavia, se un bambino – o il suo genitore – ritiene che la sua cartella sia troppo pesante, è più probabile che il bambino sviluppi mal di schiena, evidenziando l’importanza della paura nello sviluppo del mal di schiena.

Date le preoccupazioni sull’inattività e l’obesità nei bambini, portare una cartella può effettivamente essere un modo semplice e salutare per i bambini di esercitarsi.

9 La perfetta postura seduta potrebbe non esistere

Dovremmo sederci tutti dritti? Contrariamente alla credenza popolare, nessuna postura statica specifica seduta è stata dimostrata per prevenire o ridurre il mal di schiena. Diverse posture di seduta si adattano a persone diverse, con alcune persone che segnalano più dolore per la posizione eretta, altre per il pendio. Quindi, anche se in cattiva qualità si ottiene una cattiva stampa, non ci sono prove scientifiche a sostegno di questo. In effetti, molte persone con mal di schiena possono adottare posture molto rigide (ad es. Seduti estremamente in posizione verticale) con poche variazioni.

La capacità di variare la nostra postura, invece di mantenere la stessa postura, insieme all’apprendimento di muoversi in modo sicuro, rilassato e variabile è importante per le persone con mal di schiena.

10 Il sollevamento e la flessione sono sicuri

Le persone con mal di schiena spesso credono che attività come il sollevamento, la flessione e la torsione siano pericolose e dovrebbero essere evitate. Tuttavia, contrariamente alla credenza comune, la ricerca fino ad oggi non ha supportato un’associazione coerente tra nessuno di questi fattori e il mal di schiena.

Certo, una persona può sforzare la schiena se solleva qualcosa di goffamente o se solleva qualcosa di più pesante di quello che normalmente solleverebbe. Allo stesso modo, se una persona ha mal di schiena, queste attività potrebbero essere più doloranti del solito. Ciò, tuttavia, non significa che l’attività sia pericolosa o che debba essere evitata.

Mentre un incidente di sollevamento o flessione potrebbe inizialmente causare una persona mal di schiena, la flessione e il sollevamento sono normali e dovrebbero essere praticati per aiutare a rafforzare la schiena, in modo simile al ritorno alla corsa e allo sport dopo essersi slogati una caviglia.

11 Evitare attività e spostarsi con attenzione non aiuta a lungo termine

È comune, specialmente durante i primi giorni di mal di schiena, che il tuo movimento può essere significativamente modificato. Questo è simile a zoppicare dopo essersi slogato la caviglia e generalmente si risolve mentre il dolore si assesta. Sebbene inizialmente difficile, tornare a fare attività apprezzate che sono dolorose o temute è importante. Molte persone, dopo un episodio di mal di schiena, possono iniziare a muoversi in modo diverso a causa della paura del dolore o della convinzione che l’attività sia pericolosa. Un tale movimento alterato può essere malsano a lungo termine e può effettivamente aumentare la tensione sulla schiena.

 

12 Il sonno scarso influenza il mal di schiena

Quando qualcuno ha dolore, una buona notte di sonno può essere difficile da ottenere. Tuttavia, funziona in entrambi i modi poiché i problemi del sonno possono portare a mal di schiena in futuro. Allo stesso modo in cui uno scarso sonno può renderci più stressati, darci mal di testa, stancarci o sentirci giù, può anche causare o prolungare il mal di schiena. Quindi, migliorare la routine e le abitudini del sonno può essere molto utile nel ridurre il dolore.

13 Lo stress, l’umore basso e la preoccupazione influenzano il mal di schiena

Il modo in cui ci sentiamo può influenzare la quantità di dolore che proviamo. Il mal di schiena può essere innescato in seguito a cambiamenti nello stress della vita, nell’umore o nei livelli di ansia.

Allo stesso modo in cui questi fattori sono collegati ad altre condizioni di salute come herpes labiale, sindrome dell’intestino irritabile e stanchezza, hanno un effetto molto grande sul mal di schiena. Di conseguenza, gestire i nostri livelli di stress, umore e ansia attraverso le cose che ci piacciono e impegnarsi nel rilassamento può essere davvero utile per aiutare il mal di schiena.

14 L’esercizio fisico è buono e sicuro

Molte persone che soffrono di dolore hanno paura dell’esercizio fisico e lo evitano perché pensano che possa causare loro più problemi. Tuttavia questo non è vero! Ora sappiamo che l’esercizio fisico regolare aiuta a mantenere te e il tuo corpo in forma e in salute, e in realtà riduce il dolore e il disagio. Rilassa la tensione muscolare, aiuta l’umore e rafforza il sistema immunitario una volta iniziato gradualmente.

Tutti i tipi di esercizio sono buoni, senza differenze sostanziali nell’efficacia tra loro – quindi scegli quello che ti piace, che puoi permetterti e che è conveniente.

Camminare, usare le scale, andare in bicicletta, fare jogging, correre e allungare sono tutti buoni e aiutano a rilassare tutti i muscoli tesi del corpo.

Quando stai soffrendo, iniziare l’esercizio può essere molto difficile. I muscoli sottoutilizzati avvertono più dolore dei muscoli sani. Pertanto, se ti senti dolorante dopo l’esercizio, ciò non indica danni o danni al corpo.

 

 15 Il mal di schiena persistente PUO’ migliorare

Poiché il mal di schiena è associato a molti fattori che variano da individuo a individuo, i trattamenti che affrontano i fattori rilevanti per ciascun individuo possono essere efficaci. Non riuscire a ottenere sollievo dal dolore dopo molti trattamenti diversi è molto frustrante e fa perdere la speranza alle persone.

Tuttavia, questo è molto comune poiché la maggior parte dei trattamenti riguarda solo un fattore, ad esempio qualcuno fa un massaggio per i muscoli doloranti, ma non si occupa del sonno, della forma fisica o dei livelli di stress.

Identificando i diversi fattori che contribuiscono per ogni individuo e cercando di affrontarli, il dolore può essere significativamente ridotto e le persone possono vivere una vita più felice e più sana.

* Mary O’Keeffe (Università di Limerick), Dr Kieran O’Sullivan (Università di Limerick), Dr Derek Griffin (Clinica di fisioterapia di Tralee)

 

Il Dott. Fabrizio Valleriani riceve su appuntamento. Per fissare una prima visita gratuita chiama il numero 3283538810

 

 

Written by global